La Storia

Pozzuoli fu fondata con il nome di Dicearchia nel VI° secolo a.C. da un gruppo di esuli aristocratici provenienti dall’isola di Samo.

Questa terra è stata dominata da molte civiltà nel corso della sua storia.

I Romani la colonizzarono nel II° sec a.C., la ribattezzarono Puteoli (per i pozzi di acqua termale) e ne fecero il porto principale per l’attracco delle loro navi, oltre che luogo di vacanze e riposo, come testimoniano le sontuose ville costruite su questi lidi dagli imperatori Romani.

Dopo lo splendore e il successivo declino della città causato dall’apertura del porto di Ostia e dal fenomeno del Bradisismo, la cittadella passò attraverso i secoli dai duchi napoletani ai signori longobardi, da quelli normanni agli svevi e infine agli angioini.

Oltre alle tante dominazioni, anche il fenomeno Bradisismo ha segnato profondamente questa terra; nella notte tra il 29 e il 30 settembre 1538, un terremoto distrusse, tra il Lago d'Averno ed il Monte Barbaro, il villaggio di Tripergole. La terra si aprì ed eruttò tanto materiale da formare una collinetta, che in seguito fu chiamata Monte Nuovo.

La città fu abbandonata, gli abitanti terrorizzati fuggirono nella vicina Napoli. Solo grazie alla volontà e all’impegno del viceré spagnolo don Pedro Alvarez de Toledo, il quale era ben consapevole della grande importanza strategica e militare del porto di Pozzuoli, fu possibile la ricostruzione della città ed il ritorno dei suoi abitanti, esentati per molti anni dal pagamento di ogni forma di imposta. Egli stesso anzi, per dare l’esempio, fece erigere un magnifico palazzo circondato da un vasto giardino dove trascorreva molti mesi dell’anno, la Torre Toledo.

Degno di nota è il periodo della rivolta antispagnola di Masaniello, dal luglio del 1647 all’aprile del 1648, durante il quale i Puteolani si schierarono dalla parte degli spagnoli e respinsero l’assalto di 6.000 napoletani che volevano punire la città per la sua scelta. Proprio per questo il re Filippo IV le concesse il diritto di fregiarsi del titolo di “fidelissima civitas”, così come riportato sullo stesso Stemma della città.

 

Fiumi di inchiostro sono stati scritti per raccontare la storia e descrivere la bellezza di questi luoghi. Nella sezione Bibliografia chiunque sia interessato ad approfondire l’argomento può trovare testi e monografie di scrittori autorevoli, quali ad esempio Raimondo Annecchino, che è certamente lo storico flegreo più importante del XX secolo. La sua vasta produzione, impostata su documenti d'archivio e rilettura critica di fonti bibliografiche, spazia con originalità di contenuti dall'antichità ai giorni nostri.

POSIZIONE E TERRITORIO

Il Comune di Pozzuoli conta ad oggi circa 82 mila abitanti ed è situata a Nord Ovest di Napoli.

Situata sull'omonimo golfo, Pozzuoli si trova in un'area vulcanica, i Campi Flegrei (campi ardenti), che comprende un vulcano ancora in attività, la Solfatara.

 

tags:
Back to Top

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il tasto Maggiori info