Rione Terra

E’ questo il cuore di Pozzuoli. La vita nel Rione Terra è trascorsa nel corso dei secoli creando strati su strati di culture e civiltà, che si sono succedute fino ai tempi moderni; in particolare però, prima del 1970 e del 1983, anni in cui il Rione fu evaquato prima parzialmente e poi definitivamente a causa delle vicende del Bradisismo, questo sperone di tufo, alto 33 mt sul livello del mare, era diventato un quartiere degradato rendendo la vita in questo luogo sempre più precaria.

A questa evacuazione si sono succeduti anni di abbandono e di saccheggio, durante i quali né le amministrazioni locali né i cittadini sono stati in grado di preservare l’immenso patrimonio storico ivi contenuto.

La campagna di scavi archeologici comincia nel 1993 e prima di allora poche o nessuna erano le testimonianze dell’epoca romana; solo l’incendio della cattedrale

del Duomo, avvenuto nel 1964, aveva riportato alla scoperta del Tempio di Augusto e del Capitolium in tufo.

Entrando dall’ingresso principale sito in Largo Sedile di Porto, il percorso si snoda sul primo nucleo del parco archeologico, oggi visitabile. Nel suo interno si possono ammirare alcuni degli edifici del Rione, oggi restaurati, quali, oltre ai sopracitati Tempio di Augusto e Capitolium, anche il Palazzo Vescovile, Palazzo Migliaresi, il Sedile dei Nobili, il Duomo.

 

Curiosità…

Si ritiene che nella parte meridionale del Rione Terra sorgeva un tempo un “castello” che, in base ad alcuni scritti dell’epoca, era comunemente ritenuto la “caserma Gerolomini”, realizzata dal vescovo Martìn de Leòn y Càrdenas (1631 – 1650) per sottrarre le famiglie puteolane al disagio di ospitare nelle proprie case i militari spagnoli che soggiornavano a Pozzuoli.

La caserma rimase attiva fino alla fine della prima guerra mondiale e, dopo un lungo periodo di abbandono, il Comune di Pozzuoli fece progettare miniappartamenti popolari tra gli anni venti e gli anni trenta, il cui ruolo abitativo fu svolto fino al 2 marzo 1970, giorno in cui, per effetto del bradisismo, tutto il Rione Terra fu evacuato.

 

Per approfondimenti sull’argomento, si consiglia “Il Rione Terra di Pozzuoli” di Stefano De Caro e Costanza Gialanella

Orario e Visite Guidate

È possibile visitare il Rione Terra nei week end. Per orari e info contattare l’Azienda di Soggiorno e Turismo di Pozzuoli (http://www.infocampiflegrei.it/)

Come arrivare:

Per chi viaggia in automobile, prendere la tangenziale di Napoli e uscire a Via Campana; seguire le indicazioni per il Centro e per il porto; arrivati a Pozzuoli, al termine di via Marconi, proseguire per via Rossini.

Per chi viaggia in treno, dalla Stazione Centrale di Napoli può prendere la linea metropolitana direzione Pozzuoli oppure in alternativa da piazza Montesanto (Napoli) può prendere il treno della Ferrovia cumana (fermata Pozzuoli).

Per chi viaggia in autobus, provenendo da Napoli (Piazza Garibaldi) le linee che portano a Pozzuoli sono SEPSA (direzione Monte di Procida – Torregaveta), CTP (linea M1 – direzione Mondragone) e ANM (linea 152)

tags:
Back to Top

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il tasto Maggiori info