Close

Cuma

Poco più a Nord del lago Fusaro, sul lungomare in direzione Licola, vi è l’antica città di Cuma, la colonia greca più antica in Magna Grecia, famosa fin dalle origini in quanto sede dell’oracolo dove faveva le sue profezie la Sibilla Cumana.

Dell’antica città, poco scavata, è visitabile la parte bassa della città di epoca romana, con l’area del Foro e i relativi edifici pubblici, la Crypta Romana, e soprattutto l’ Acropoli con l’ Antro della Sibilla e i Templi di Apollo e di Zeus.

Fa da porta alla città lo splendido Arco Felice, un monumentale arco in laterizi di epoca romana costruito nel taglio che i romani effettuarono nella collina, attraverso il quale l’antica via Domiziana entrava in Cuma. L’ipotesi più verosimile è che essa sia stata fondata intorno al’ VIII secolo a.C. dagli abitanti della vicinissima Pithekoussai (Ischia) provenienti dalle città euboiche di Calcide ed Eritrea.

Se Pozzuoli (Puteoli) è legata agli affari e al commercio, per i Romani Cuma (Cumae) diviene un luogo sacro, soprattutto dopo il racconto di Virgilio visto che proprio la Sibilla Cumana rivela il futuro ad Enea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *